Rassegna Stampa Tirana Maggio

Rassegna Stampa Tirana Aprile

RASSEGNA STAMPA APRILE 2020



AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA NOMINA DEL COMPONENTE MONOCRATICO DELL’ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL’UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO DEL PUGLIA

AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA SELETTIVA COMPARATIVA PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA NOMINA DEL COMPONENTE MONOCRATICO DELL’ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELL’UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO DEL PUGLIA



Attuazione delle misure per la limitazione di circolazione dei cittadini e automezzi in osservanza dall’Ordinanza Nr. 256 del 10.04.2020 del Ministero della Sanitá

Attuazione delle misure per la limitazione di circolazione dei cittadini e automezzi in osservanza dall’Ordinanza Nr. 256 del 10.04.2020 del Ministero della Sanitá

In attuazione delle misure restrittive annunciate dal Governo, per tenere sotto controllo le conseguenze derivanti dalla diffusione del coronavirus “Covid-19, ma anche per chiarire e unificare le azioni della polizia di Stato a livello nazionale, durante il periodo di restrizioni della circolazione dei cittadini e veicoli stradali, nonchè per il proseguimento limitato delle attivitá quotidiana dei cittadini e quella produttiva, nei giorni seguenti si dovrá agire a seconda di quanto sottoindicato:



Sintensi delle misure intraprese dal Governo Albanese

COVID-19 – Situazione in Albania

Il governo albanese ha introdotto nuove misure, nell’ambito degli interventi per prevenire la diffusione del COVID-19.

Da oggi è operativa presso il portale governativo E-Albania la sezione: Permessi di circolazione per le esigenze dei soggetti commerciali. / Leje qarkullimi për nevojat e subjekteve.

“Permesso di circolazione per le esigenze delle società” è un servizio elettronico che consente alle imprese di presentare domanda online per ottenere un permesso di uscita per i dipendenti regolarmente dichiarati e la circolazione dei veicoli al fine di esercitare l’attività.

La sezione dedicata offre tre opzioni in base alle necessità delle imprese:

  • Il “permesso di trasporto del personale / Leje për transport për stafin”: consente di ottenere un permesso per la circolazione di veicoli di società private che effettuano il trasporto di dipendenti nell’itinerario: casa – lavoro – casa.
  • “Permesso di circolazione per le esigenze del soggetto commerciale / Leje për qarkullim për nevojat e subjekteve” consente il rilascio di un permesso per vari servizi pubblici e/o privati, in qualsiasi momento, all’interno della fascia oraria ufficiale: dalle 05:00 del mattino alle 17:30 del pomeriggio.
  • “Permesso di circolazione per servizi delle società / Leje për qarkullim për shërbimet e subjekteve” è possibile ottenere autorizzazioni illimitate per le imprese che forniscono servizi 24/24 al giorno. La durata del permesso di circolazione per le esigenze dei soggetti è di 7 giorni.

Documentazione necessaria: Questo servizio non richiede documentazione di accompagnamento.

Procedura di rilascio

– Identificazione come azienda con NIPT sul portale e-Albania;

– Selezionare il servizio “Autorizzazione di circolazione per le esigenze delle società commerciali”;

– Cliccare il pulsante “Usa / Perdor”;

– Seleziona una delle 3 opzioni di vostro interesse;

 

Permesso di trasporto per il personale

– Seleziona l’opzione “Transport Stafi”;

– Fare domanda selezionando l’orario di vostro interesse, nonché compilare i dati del veicolo con cui verrà effettuato il trasporto dei dipendenti;

– L’approvazione verrà inviata all’indirizzo e-mail utilizzato per la registrazione sul portale e-Albania;

Permesso di circolazione per le esigenze dei soggetti

– Seleziona l’opzione “Circolazione per le esigenze dei soggetti”;

– Compilare i dati del veicolo utilizzato, il personale che si sposterà e le ragioni per le quali verrà effettuato lo spostamento;

– Seleziona l’orario di spostamento all’interno della fascia oraria ufficiale: dalle 05:00 del mattino fino alle 17:30 del pomeriggio;

– L’approvazione verrà inviata immediatamente all’indirizzo e-mail utilizzato per la registrazione sul portale in e-Albania ed è valida per tutta la settimana, dal lunedì al sabato;

Permesso per la circolazione per servizi dei soggetti

 

– Seleziona l’opzione “Circolazione per servizi dei soggetti”;

– Compilare i dati dei veicoli, i nominativi delle personale e le ragioni per le quali verrà effettuato il movimento;

– L’approvazione verrà inviata al momento all’indirizzo e-mail utilizzato per la registrazione sul portale in e-Albania ed è valida solo all’interno della fasciatura consentita;-

Se desideri utilizzare un’altra e-mail, devi cambiarla nella sezione “Spazio personale” facendo clic su: Modifica i dettagli dell’account.***

Questa procedura è valida anche alle istituzioni statali. Il capo dell’istituzione deve essere identificato sul portale come individuo. Deve quindi registrare l’istituzione compilando il NIPT e altri dati richiesti. Alla fine seguire la stessa procedura di cui sopra.

ATTENZIONE! La Polizia verifica in tempo reale se un cittadino e’ munito dell’autorizzazione o meno. Per chi non rispetta gli orarie e non conserva il SMS, sono previste delle sanzioni ai sensi del Codice Penale.

A partire dalla giornata di martedì 10 marzo è stato previsto il blocco totale sine die dei collegamenti aerei e marittimi da e per l’Italia.

Il Governo ha disposto la chiusura delle istituzioni scolastiche fino al 3 aprile e la sospensione di tutte le attività culturali, artistiche, conferenze e delle altre attività che prevedono un raduno pubblico.

  • Nell’invitare i cittadini provenienti dalle zone di contagio ad auto isolarsi, è stata introdotta una pena pecuniaria nella misura di 5 mila euro in caso di violazione.
  • Tra le altre misure cautelari è previsto il divieto delle visite dei familiari dei pazienti ricoverati in ospedale, in particolare al reparto malattie infettive, nonché dei familiari dei carcerati.
  • E’ stata disposta la sospensione di tutti gli interventi chirurgici, salvo i casi di emergenza.
  • E’ stata disposta la compilazione di un apposito modulo da parte di tutti coloro che intendono fare ingresso in territorio albanese attraverso i valichi di frontiera su tutto il territorio.
  • Il municipio di Tirana ha disposto misure preventive, quali la disinfestazione degli ascensori e delle scale nei condomini e di tutte le istituzioni scolastiche pubbliche e private e dei mezzi di trasporto pubblico.
  • Dalle ore 6 della giornata di venerdì 13 marzo fino alle 24 di domenica 15 marzo, le principali città del Paese sono sottoposte a un regime di limitata circolazione: divieto totale della circolazione dei mezzi di trasporto pubblico e privato, salvo le autoambulanze e i mezzi di trasporto per garantire la mobilità dello staff medico/sanitario e dei dipendenti dell’aeroporto, previa apposita autorizzazione delle competenti autorità di polizia.
  • Forze dell’ordine e forze armate sono operative per garantire l’adozione delle misure preventive (sono stati istituiti posti di blocco sulla maggior parte del territorio onde identificare i soggetti recentemente rientrati in territorio albanese dalle zone rosse o comunque contagiate).
  • Dalla mezzanotte di domenica 15 marzo, ogni ingresso in territorio albanese è chiuso ai viaggiatori che arrivano in autobus o automobile dal Montenegro, Kosovo, Macedonia del Nord e Grecia. I confini via terra restano aperti solo per il trasporto delle merci.
  • Per l’organizzazione del trasporto internazionale di merci, nelle condizioni di prevenzione della diffusione di COVID-19, tutte le società che effettuano trasporto internazionale di merci, sono tenute ad inviare (entro le ore 23.00 del 14.03.2020) all’indirizzo [email protected], l’elenco dei conducenti dei mezzi dell’azienda che effettua trasporti internazionali. Questo elenco dovrebbe contenere: nome, cognome, data di nascita, no. Passaporto e n. della patente di guida internazionale.
  • A partire da lunedì 16 marzo, la circolazione sarà consentita agli automezzi per gli spostamenti di lavoro fino alle ore 08.00 di mattina e dalle ore 16.00 alle ore 17.00. Per i trasgressori la sanzione prevista sarà il ritiro della patente per tre anni ed il sequestro dell’automezzo. Sarà vietata la circolazione degli automezzi che non fanno parte dei servizi pubblici tranne i casi indispensabili della circolazione dei mezzi privati.
  • Per qualsiasi ulteriore informazione sulle procedure da seguire la Polizia di Stato ha messo a disposizione i seguenti numeri: +355694122223 / +355694122224.
  • Tutte le aziende manifatturiere, di produzione e le imprese di servizi non incluse attualmente nell’elenco delle attività vietate dovrebbero prendere provvedimenti entro lunedì per garantire il trasporto dei propri dipendenti rendendo disponibili autobus accreditati dallo Stato via Email all’indirizzo della Polizia di Stato: [email protected]; [email protected] o accreditando i mezzi dei propri dipendenti. Il contenuto della mail dovrebbe essere il seguente:
  • Nome e cognome dei dipendenti;
  • Targhe degli autobus con i quali circoleranno i dipendenti;
  • Targa del veicolo privato con il quale si dovrà spostare il dipendente;
  • Luogo di lavoro dove andranno;
  • Programma dei movimenti;
  • In questi veicoli, i dipendenti dovranno disporre di dispositivi di protezione quali guanti, maschere e disinfettanti.

Si conferma la chiusura totale di bar, ristoranti, palestre e altri ambienti chiusi anche nelle città di Shkodra, Lezha, Elbasan, Fier e Vlora, oltre a Tirana e Durazzo.

  • Sarà consentita la circolazione – nella fascia oraria dalle ore 06:00 alle 08:00 al mattino e dalle 16:00 alle 17:00 nel pomeriggio – dei veicoli (furgoni, furgoncini, minibus, autobus) che effettueranno il trasporto del personale e dei dipendenti delle aziende manifatturiere/industriali/agricole, che dovranno garantire le misure necessarie individuali di tutela come richiesto e approvato dalla Polizia di Stato.
  • Sarà inoltre consentita la circolazione degli automezzi per il trasporto degli impiegati della polizia penitenziaria, del SHPSF (servizio privato per la sicurezza fisica) e del personale sanitario che si sposterà con i propri mezzi per andare e tornare al lavoro ed a riprendere i turni, mostrando un documento dell’istituzione presso cui lavorano.
  • Sarà consentita la circolazione dei veicoli stradali che effettuano il trasporto di merci nazionale ed all’estero per conto di privati, di società e aziende nazionali e straniere, furgoni, furgoncini, camion utilizzati per la fornitura di prodotti alimentari e zootecnici e che forniscono servizi per i cittadini, i mezzi di trasporto di alimenti per bestiame.
  • Al di fuori di questa limitazione, saranno autorizzati a circolare i veicoli stradali per i servizi di emergenza, le autoambulanze, i vigili del fuoco e gli automezzi della polizia di Stato o i veicoli militari, gli operatori dei mezzi di comunicazione con o senza auto, ma dotati di documenti di identificazione.
  • Le autorizzazioni rilasciate in precedenza dalla polizia di Stato con scadenza entro il 15 marzo 2020, vengono prorogate.
  • In caso di catastrofi e malattie che richiedono cure mediche presso le strutture sanitarie o di emergenza si potrà chiamare il numero delle strutture della polizia 112/129 e ai numeri dedicati 0694122223 e 0694122224, per confermare il movimento dei veicoli – si legge nel comunicato della Polizia di Stato.
  • La polizia di Stato coglie l’occasione per fare nuovamente appello a tutti i cittadini affinché rispettino correttamente le restrizioni imposte in quanto la loro violazione sarà punita da nuove severe misure amministrative imposte dal Governo.
  • A partire dal 16 marzo, dopo le 18.00 coprifuoco anche per i pedoni. Multa per i pedoni dopo le 18.00 e per quelli che si trovano seduti nei parchi o ambienti aperti in ogni momento del giorno.
  • Per aiutare i cittadini che devono andare e tornare al lavoro con i propri mezzi, nei casi in cui non dispongono di mezzi di trasporto della società presso cui lavorano, sarà necesario compilare un’autodichiarazione on line per la circolazione al mattino dalle ore 07.00-08.00 e nel pomeriggio dalle ore 16.00 alle ore 17.00 solo per necessità di lavoro e secondo il formulario (https://www.dpshtrr.al/covid-19 – Direzione Generale dei Servizi Trasporti Stradali). E’ richiesta un’autorizzazione speciale da parte degli organi di Polizia di Stato.

Sanzioni amministrative

  1. Le imprese e/o aziende che esportano medicinali e attrezzature mediche fuori dalla Repubblica d’Albania, senza un’autorizzazione speciale da parte del Ministro della sanità e della protezione sociale, per lo svolgimento di questa attività, sono punite con un’ammenda di 5.000.000 (cinque milioni) di ALL e inoltre sarà sequestrato l’intero importo di medicinali/attrezzature mediche. In caso di ripetizione dell’infrazione, alle misure di cui sopra, sarà aggiunto il divieto di esportazione di medicinali/apparecchiature mediche per un massimo di 6 mesi.
  1. Le persone che organizzano attività pubbliche e non pubbliche, come attività sportive, culturali e conferenze, o incontri di massa in luoghi aperti e/o chiusi, come concerti, raduni e audizioni pubbliche, vengono multati con un’ammenda di 5.000.000 (cinque milioni) di ALL.
  1. L’accesso di parenti e/o familiari dei pazienti nelle strutture mediche di emergenza, strutture sanitarie, strutture di servizi ospedalieri in cui i pazienti ricevono un trattamento ospedaliero, salvo nei casi in cui tale richiesta provenga dalla direzione dell’ospedale, sarà punita con un’ammenda di 500.000 (cinquecento mila) ALL per il parente e/o familiare del paziente e per la persona addetta responsabile dell’applicazione di questa regola.
  1. Saranno puniti con un’ammenda di 700.000 (settecento mila) ALL:
  1. Cittadino che entra nel territorio della Repubblica d’Albania e non dichiara il suo arrivo dalle aree colpite dall’infezione COVID-19;
  1. Cittadino che entra dalle aree colpite dal COVID-19 nel territorio della Repubblica d’Albania e che non entra in auto-quarantena per un periodo di 14 giorni;
  1. Cittadino proveniente dalle aree colpite dal COVID-19 e che non rispetta l’ordine emesso dalle autorità competenti in materia di auto-quarantena obbligatoria;
  1. Cittadino riscontrato positivo e che non si conforma all’ordine emesso dalle autorità competenti per l’auto-quarantena obbligatoria.
  1. Soggetti o individui, pubblici o privati, che svolgono attività ricreative al chiuso per bambini e giovani, come: palestre, centri sportivi, piscine, centri internet, centri culturali, non rispettando cosi l’ordine dell’autorità competente per la loro chiusura, sono puniti con un’ammenda di 1.000.000 (un milione) di ALL e in caso di ripetizione dell’infrazione, l’attività sarà chiusa per un periodo di 6 mesi.
  1. Le entità o gli individui che non rispettano gli ordini emessi dalle autorità competenti per la non chiusura di bar, locali, ristoranti e club sono puniti con una multa fino a 1.000.000 (un milione) di ALL e in caso di ripetizione della violazione, è prevista una cessazione della loro attività per un periodo di 6 mesi.
  1. Gli automobilisti che non rispettano il divieto di circolazione dei veicoli di trasporto pubblico e privato, compresi i veicoli privati, nelle zone e nei tempi specificati dalle autorità competenti sono puniti con la revoca della patente di guida per un periodo di tre anni e blocco del veicolo. Questa regola esclude le persone e/o aziende che fanno richiesta di autorizzazione presso le autorità competenti.
  1. A seconda delle dinamiche del ricovero ospedaliero delle persone colpite dall’infezione COVID-19, con ordine del Ministro della salute, vengono messe a disposizione gli ospedali, l’ambulatorio, le ambulanze e il personale sanitario e di supporto delle strutture ospedaliere private nel paese. Il mancato rispetto di questo ordine, la messa a disposizione della struttura del servizio sanitario pubblico per tutta la durata dell’infezione COVID-19, è punito con una multa di 5.000.000 (cinque milioni) di ALL e in caso di ripetizione dell’infrazione, con sospensione dell’attività.
  1. Le autorità del servizio postale dovrebbero garantire la continuità del servizio e elaborare un piano di misure per limitare il contatto dei dipendenti con il pubblico ed evitare l’affollamento presso gli sportelli o altre strutture interne. Il mancato rispetto di tale obbligo sarà punito con un’ammenda di 1.000.000 (un milione) di ALL e in caso di ripetizione, sarà aggiunto la chiusura dell’attività per un periodo di 6 mesi.
  1. Tutte le trasmissioni audiovisive con più di due persone nello stesso studio televisivo vengono multate con un’ammenda di 1.000.000 (un milione) di ALL e in caso di ripetizione, viene aggiunto il blocco, parziale o completo, della trasmissione da parte dei media audiovisivi.
  1. La mancata prestazione di servizi da parte di farmacie, grossisti e produttori di medicinali, applicando i criteri di sicurezza stabiliti dalle autorità competenti, è punita con un’ammenda di 10.000.000 (dieci milioni) di ALL ai grossisti e 50.000 (cinquantamila) per i rivenditori più piccoli. In caso di ripetizione dell’infrazione è previsto il blocco dell’intera quantità di merci e la chiusura dell’attività per un periodo di tre anni.

  • Circolazione pedoni solo in mattinata e nel pomeriggio.

Il governo albanese ha introdotto nuove misure, nell’ambito degli interventi per prevenire la diffusione del coronavirus. Il premier Edi Rama ha annunciato che il divieto di circolazione dei pedoni sarà esteso da domani dal 19 marzo a tutta la giornata, tranne che nelle fasce orarie 06.00-10.00 nel pomeriggio dalle ore 16.00-18.00. Inoltre sarà vietato camminare per le strade in gruppo o con altre persone a fianco. Chi non rispetterà le nuove regole dovrà pagare un multa di circa 80 euro.

  • I dipendenti statali non dovranno più andare al lavoro in macchina.

Il Premier albanese ha richiamato l’attenzione di tutti i dipendenti dell’amministrazione pubblica, i quali non dovranno più andare al lavoro in auto. Le sanzioni previste: trattenuta dello stipendio per tre mesi e licenziamento in caso di ripetizione dell’infrazione.

Eccezione solo per quei dipendenti del Ministero della Salute, del Ministero della Difesa e del Ministero delle Finanze, della prefettura e dei comuni che saranno comunicati in un elenco delle persone con precedenza sotto la firma capo dicastero di queste istituzioni.

Rama ha annunciato che gli impiegati statali rischiano di nuovo fino a tre mesi di sospensione dello stipendio anche nel caso in cui venissero sorpresi a camminare, e in caso di ripetizione dell’infrazione è previsto il licenziamento.

(Fonte FB Edi Rama)

Fonte Ministero della Salute e Protezione Sociale – 18.03.2020 Ordine N. 177/2, aggiunte le modifiche all’ordinanza 177/1 del 16.03.2020 “Sulla restrizione alla circolazione nelle aree Urbane”.

Banche: apertura degli sportelli nelle due nuove fasce orarie, quando è consentito circolare a piedi.

Decisione Consiglio dei Ministri

Covid-19: Con decisione del Consiglio dei Ministri, il Ministro della Ricostruzione, Arben Ahmetaj, è stato nominato responsabile per il coordinamento e direzione dei lavori, tra ministeri e istituzioni, per la redazione di un piano per far fronte alla situazione economica causata dall’infezione COVID-19.

La presente decisione è entrata in vigore immediatamente dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Decisione del Consiglio dei Ministri

Dopo il giorno di congedo di venerdì scorso, il Governo ha disposto anche per questa settimana che l’amministrazione pubblica resti a casa. Solo il personale sanitario è esentato dalla decisione.

La presente decisione è entrata in vigore immediatamente dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Misure di carattere econonico

Comunicazione di avviso della Direzione Generale delle Imposte (DPT) su come verrà distribuita la documentazione fiscale:

La direzione generale delle imposte avvisa tutti i contribuenti che il servizio di ritiro della documentazione fiscale (Blocchi di fatture IVA, Modello 4 e altre fatture fiscali) continuerà ad essere svolto presso la Direzione Fiscale Regionale, dove i contribuenti sono registrati, durante l’orario ufficiale di lavoro dal Lunedi al Giovedì 08.00 – 16.00 e Venerdì 08.00 – 14.00.

Per maggiori informazioni, consultare il seguente link: www.tatime.gov.al/d/8/45/45/1281/njoftim-mbi-menyren-e-shperndarjes-se-dokumentacionit-tatimor

Comunicazione Direzione Generale delle Imposte (DPT): Informazioni sulla possibilità di pagamento delle passività fiscali attraverso il portale governativo www.e-albania e l’Online banking nelle banche commerciali di secondo livello.

Nella situazione attuale del nostro paese, al fine di limitare il più possibile la diffusione di COVID 19, informiamo tutti i contribuenti che le passività fiscali possono essere pagate elettronicamente nelle seguenti banche commerciali, come specificato all’interno del seguente link, comunica la DPT.

www.tatime.gov.al/d/8/45/45/1280/informacion-mbi-mundesine-e-pageses-se-detyrimeve-tatimore-nepermjet-portalit-e-albania-si-dhe-online-banking-ne-bankat-e-nivelit-te-dyte

Inoltre, per maggiori informazioni e dettagli sui termini e le modalità di pagamento online, attraverso il portale governativo www.e-albania consultare il seguente link:

www.e-albania.al/Pages/HelpPayments.aspx

Registrazione e apertura di nuove imprese, solo online

Chiusura degli sportelli del Centro Nazionale delle Imprese (QKB). La registrazione delle nuove imprese presso il QKB sarà effettuata solo online. A seguito delle misure adottate dal governo contro la diffusione del coronavirus nel paese, dopo la chiusura dell’amministrazione fiscale di questa istituzione, sono stati chiusi anche i servizi fisici presso gli sportelli del Centro Nazionale delle Imprese. Secondo l’annuncio ufficiale di questa istituzione, i servizi funzionali della QKB per la registrazione delle imprese e la loro licenza saranno rilasciati solo attraverso lo sportello online.

Per assistenza tecnica, il QKB, ha messo a disposizione i seguenti contatti:

Indirizzo Email: [email protected] ; Telefono: +35542250066

  1. ORDINE SULLA CHIUSURA O LIMITAZIONE DEL MOVIMENTO NELLA REPUBBLICA D’ALBANIA

Si riporta il testo della nuova disposizione del Ministro della Salute albanese.

Ai sensi del punto 4, dell’art. 102 della Costituzione, degli articoli 7, punto 4, e 15, della legge nr.15/201, ”Sulla prevenzione e sul contrasto alle infezioni ed alle malattie infettive”, modificata, nonché in attuazione delle direttive dell’Istituto della Sanità Pubblica, al fine di tutelare la salute della popolazione dall’infezione provocata dal COVID- 19,

DISPONGO:

  1. Possono svoglere le loro attività soltanto nella fascia oraria tra le 05:00 — 13:00, a partire dal Lunedì 23.3.2020, i punti vendita dei prodotti alimentari, al dettaglio e all’ingrosso, le farmacie e le istituzioni finanziarie.
  2. La limitazione alla circolazione, in tutti i centri urbani della Repubblica d’Albania, per tutte le categorie (pedoni, biciclette, motocicli e autoveicoli) a partire dalle ore 13:00 di Sabato 21.3.2020 fino alle ore 05:00 del 23.3.2020. Fanno eccezione da tale regola tutti i mezzi di trasporto delle merci e dei prodotti alimentari, la Polizia di Stato, le Forze Armate, le unità critiche dei servizi pubblici e delle società mediatiche, nonché i servizi a domicilio (delivery).
  3. Sono vietati i servizi a favore dei cittadini da parte di tutte le attività, in particolar modo di quelle di cui al punto 1 della tabella in allegato al presente ordine, a partire dalle ore 13:00 di Sabato 21.3.2020, fino alle ore 05:00 del 23.3.2020. L’elenco delle attività definite nella tabella in allegato al presente ordine, entra in vigore alle ore 05:00 del 24.03.2020.
  4. I dipendenti delle istituzioni finanziarie, delle linee produttive e alimentari, nonché di tutte le attività previste dall’elenco in allegato al presente ordine, potranno circolare soltanto nell’itinerario casa-lavoro.

Ogni regola definita negli ordini precedenti che è in contrasto al presente ordine, è abolita.

L’ordine entra in vigore con effetto immediato. Il Ministro della Salute

Il Primo Ministro Rama ha annunciato nuove disposizioni in merito alla mobilità a partire da lunedì 30 marzo.

Nel fine settimana è confermato il regime di totale chiusura a partire dalle ore 13.00 fino a lunedì, 30 marzo, alle ore 05.00.

A partire da lunedì 30 marzo sarà possibile uscire per fare la spesa sempre nella fascia oraria 05.00-13.00, ma solo per un’ora e solo una persona per nucleo familiare, mentre alle persone anziane è vietato di uscire da casa. Per coloro che abitano da soli sarà garantita l’assistenza dalle strutture statali.

Il governo albanese ha assicurato che non saranno disposte multe in caso di superamento del limite orario (un’ora al giorno), in quanto la misura è necessaria a registrare il flusso dei movimenti nella fascia oraria.

La registrazione tramite il portale www.e-Albania.al , servizio “leje per dalje”, sarà attiva da domenica 29 marzo, mentre sarà valida a partire da lunedì 30 marzo.

La registrazione può essere effettuata da tutti coloro che sono in possesso di smartphone o di pc, la conferma di autorizzazione è immediata.

Invece coloro che non sono in possesso di smartphone o di pc possono chiedere l’autorizzazione inviando un sms al n. 55155, inserendo il numero ID, spazio, l’ora in cui si intende uscire per fare la spesa. Il sistema sarà attivo da lunedì prossimo, la conferma si ottiene entro 24 ore.

Tale misura non trova applicazione per coloro che non hanno interrotto l’attività lavorativa e comunque sono muniti dell’apposita autorizzazione alla circolazione sempre nella suddetta fascia oraria (05.00-13.00).

Con particolare riferimento ai cittadini italiani residenti in Albania sarà possibile fare ricorso all’opzione sms, inserendo la F (foreigners) seguita dal proprio numero ID (es.passaporto) oltre che l’orario in cui si desidera compiere lo spostamento. La richiesta viene processata in 24 ore e quindi occorre inviarla con un giorno di anticipo rispetto allo spostamento.

L’Ambasciata d’Italia è in contatto con le autorità albanesi per aggiornamenti e chiarimenti in merito all’utilizzo delle nuove piattaforme.

Si riporta di seguito la traduzione dell’avviso della Direzione Generale delle imposte albanese a chiarimento delle recenti disposizioni del Governo albanese in merito alla sospensione del pagamento dei canoni di locazione.

Ai sensi dell’atto normativo n. 12, del 2.4.2020, e in aggiunta all’atto normativo n. 3, del 15.3.2020, del Consiglio dei Ministri “nell’adottare particolari misure amministrative durante il periodo di infezione causato da Covid -19”, la Direzione Generale delle Imposte chiede alle seguenti categorie:

  • I locatari individui, ai quali è stato sospeso/ risolto il contratto di lavoro a causa della situazione creata da Covid-19 e hanno un contratto di locazione o qualsiasi altro documento che dimostra il rapporto contrattuale locatario-locatore;
  • I locatari studenti, che hanno un contratto di locazione di un appartamento o qualsiasi altro documento che dimostra il rapporto contrattuale locatario-locatore, prima dell’annuncio dello stato di epidemia;
  • Le persone fisiche / giuridiche con un reddito fino a 14.000.000 all’anno, che hanno un contratto notarile di locazione per lo sviluppo della loro attività economica, firmato prima dell’annuncio dello stato di epidemia e hanno interrotto l’attività a causa della situazione creata da COVID-19;
  • per beneficiare di quanto previsto dall’Atto Normativo in oggetto e per ulteriori decisioni del Consiglio dei ministri, di procedere come segue:

I locatori individui e studenti devono presentare domanda all’indirizzo e-mail: [email protected] , secondo il Modulo n. 1 nei casi in cui il rapporto tra le parti è Individuo – Individuo o secondo il Modulo n. 2 se il rapporto tra le parti è Individuo – Contribuente.

In ogni caso alla domanda si deve allegare una copia del contratto di locazione o di qualsiasi altro documento che dimostra il rapporto contrattuale.

Le persone fisiche / giuridiche registrate, devono fare domanda dal proprio account in e-filing, al menu “Çështjet e mia (Le mie questioni)”, caricando il Modulo di domanda n. 3, se il rapporto tra le parti è Contribuente – Contribuente o il Modulo n. 4 se il rapporto è Contribuente – Individuo. In ogni caso alla domanda si deve allegare una copia del contratto notarile di locazione.

Tutti i locatari di cui sopra, che vogliono presentare un reclamo perché il locatore non si attiene all’atto normativo, dopo aver completato tutte le procedure di cui sopra, possono inviare una e-mail all’indirizzo [email protected] , con oggetto / nome della e-mail, NIPT nel caso di persone fisiche / giuridiche registrate, e NID (numero unico di identificazione) della carta d’identità nel caso di individui o studenti, descrivendo il motivo del reclamo.

Al link di seguito, è possibile scaricare i moduli per le diverse categorie:

https://www.tatime.gov.al/d/8/45/45/1290/njoftim-mbi-menyren-e-aplikimit-per-perfitimin-e-lehtesirave-te-parashikuara-ne-aktin-normativ-nr-12-date-242020-per-qirate

Il Governo albanese ha firmato una serie di ordinanze che prorogano la validità delle misure precauzionali adottate a seguito della pandemia globale da Covid-19.

Tali misure adottate a partire dal giorno 9 marzo u.s., avevano come termine di validità la data del 3 aprile, termine che viene ora sostituito con la formula “fino alla fine del periodo di emergenza da coronavirus”, senza fare quindi riferimento ad una data specifica.

Di seguito la lista delle attività, sottoposte a misure precauzionali:

  1. sospensione degli interventi chirurgici programmati presso i centri ospedalieri “Madre Teresa” e “Shefqet Ndroqi” (Ord. 219 del 1.4. 2020);
  2. sospensione di tutte le attivita’ pubbliche e non pubbliche e divieto dei raduni di massa in ambieti chiusi o all’aperto (Ord. 222 del 1.4.2020);
  3. sospensione delle funzioni delle commissioni per la valutazione delle persone diversamente abili e degli invalidi da lavoro (Ord. 220 del 1.4.2020);
  4. sospensione di tutti gli interventi chirurgici programmati presso le strutture ospedaliere pubbliche e private (Ord. 218 del 1.4.2020);
  5. chiusura dei bar, dei ristoranti, dei fast-food e limitazione dei servizi offerti da strutture alberghiere (Ord. 217 del 1.4.2020);
  6. adozione delle misure speciali per la prevenzione della diffusione dell’infezione provocata da coronavirus (Ord. 223 del 1.4.2020);
  7. chiusura dell’attività delle istituzioni scolastiche e degli asili nidi, pubbliche e private (Ord. 216 del 1.3.2020);
  8. chiusura delle cliniche di odontoiatria (Ord. 221 del 1.4.2020).

(Fonte: Ambasciata d’Italia in Albania)

Di seguito riportiamo gli Articoli della detta Decisione, che riteniamo che siano piu’ essenziali e che sono relativi i criteri di qualificazione e le condizioni posti per la ricezione del Prestito.

Lo scopo di questa garanzia e’ la ricezione del prestito, da parte delle societa’, a condizioni agevolati e il governo coprira’ il prestito erogato in caso di mancato pagamento da parte del soggetto.

Comunque, questa garanzia non nega alla Banca il diritto di prendere delle misure coercitive inerente il riscosso del prestito anche dopo l’esecuzione della garanzia statale, cio che rende questo prestito uguale a tutti gli altri prestiti commerciali, in termini di liquidazione.

Articolo 3

(Criteri di qualificazione del Mutuatario)

1.Le societa’ che beneficeranno i prestiti, secondo il presente accordo dovrebbero soddisfare i seguenti criteri:

  1. a) Il mutuatario dovrebbe essere una societa’ colpita dalle Decisioni del Governo prese nell’ambito della gestione della situazione creata a causa del COVID-19.
  2. b) Il Mutuatario dovrebbe essere in grado di liquidare il prestito erogato in linea con i criteri applicati dal sistema bancario nella Repubblica d’Albania, valutati in conformita’ delle condizioni applicate dal Prestatore prima della dichiarazione dello Stato di Calamita’ Naturale ed a totale discrezione del Prestatore.
  3. c) Questo fondo di prestito sara’ utilizzato solo per pagare gli stipendi dei dipendenti del Mutuatario, in base al libro paga depositato presso la Banca per il mese di febbraio.
  4. d) il Mutuatario dovra’ firmare l’Accodo di Intesa secondo la forma e il contenuto previsto nell’Allegato 1 del presente Accordo.
  5. e) Il Mutuatario dovra’ presentare la richiesta del Prestito entro e non oltre 30 giorni dalla firma del presente Accordo.
  6. Il Ministero delle Finanze e di Economia (MFE) gode il diritto di rivedere, aggiungere o rimuovere, in qualsiasi momento, uno dei criteri posti al punto 1 del presente articolo, previo accordo con il Prestatore. Questa modifica diventera’ effettiva immediatamente dopo la negoziazione e la ricezione della notifica per iscritto del MFE da parte del Prestatore. Nessuna modifica apportata ai sensi della presente clausola pregiudichera’ i Mutuatari, i prestiti dei quali sono stati approvati prima della data effettiva di tale modifica.
  7. Salvo i casi particolari come definiti all’articolo 3, punto 2, il Prestatore non dovra’ in nessun caso approvare le richieste di prestito dei Mutuatari che non soddisfano le condizioni previste al punto 1 del presente articolo.
  8. La banca elaborera’ le richieste di prestito sulla base di “Il primo in tempo, il primo in diritto”, senza discriminare nessuno dei Mutuatari presentati.

Articolo 5

(Criteri del Prestito)

  1. Il valore del prestito messo a disposizione del Mutuatario dalla banca puo’ variare a seconda della richiesta presentata dal Mutuatario, ma in nessun caso non dovra’ superare il valore di 3 stipendi mensili lordi dei dipendenti dichiarati. In nessun caso il valore dello stipendio mensile lordo per un dipendente sara’ superiore a 150.000 Lek. Il Mutuatario dovra’ presentare al Prestatore i dettagli del fondo per le assicurazioni sociali e sanitarie, rispettivamente per ciascun salario che sara’ elaborato.
  2. la durata del Mutuo sara’ definita secondo la discrezione del Mutuatario ma in nessun caso superera’ la durata di 2 anni.
  3. il  Prestito avra’ un periodo di Grazia (periodo senza pagamento del valore principale) di 3 mesi.
  4. il Prestito erogato sara’ nella moneta locale (Lek)
  5. Il Prestatore offrira’ il prestito ad un tasso di interesse preferenziale, pari al tasso medio di interesse delle ultime tre aste di Beni del Tesoro a 12 mesi piu’ un margine dello 0,5%, ma in nessun caso il tasso di interesse sara’ superiore a 2,85%.
  6. Il Prestatore non applichera’ i costi amministrativi sul prestito.
  1. I termini e le condizioni del prestito saranno stabiliti nel Contratto di Prestito, la quale sara’ firmato tra le parti (il prestatore e il mutuatario), in conformita’ del contenuto del presente articolo.
  2. Nessun diritto od obbligo del prestatore derivante dal presente Accordo o dal Contratto di Prestito potra’ essere trasferito ai terzi senza il previo consenso per iscritto dell’MFE.
  3. Per qualsiasi modifica, rinnovo o ristrutturazione del Contratto di Prestito, che potrebbe essere fatta in accordo tra il prestatore e il mutuatario entro il termine specificato al punto 3 del presente articolo, l’approvazione del MFE non e’ obbligatoria. Tali modifiche non avranno alcun effetto sui diritti del Prestatore nei confronti del MFE, basandosi nelle condizioni stabilite nel presente Accordo. Il Prestatore informera’ per iscritto a MFE per qualsiasi eventuale modifica, rinnovo o ristrutturazione del Contratto di Prestito.
  4. Il Prestatore assume la propria responsabilita’ se il valore del prestito a favore del Mutuatario superi il valore di garanzia emmessa dal MFE a suo favore in base dell’Articolo 1 del presente Accordo. In nessun caso, il superamento del valore di garanzia non costituira’ un obbligo per il MFE. 

Articolo 7

(Recupero dopo il versamento della Garanzia)

  1. Dopo aver pagato la garanzia per uno dei prestiti, l’MFE in accordo con il prestatore puo’ firmare un Accordo Particolare, attraverso il quale l’MFE puo’ autorizzare il prestatore di continuare i tentativi per il recupero del debito in conformita’ con le procedure legali e le pratiche bancarie.
  1. Se dopo il versamento della garanzia da parte del MFE per uno dei prestiti, il Prestatore con la sua libera volonta’, o per qualsiasi altro motivo, capita di recuperare parzialmente o l’intera somma del prestito che e’ stato precedentemente pagato dalla garanzia, il Prestatore entro un periodo di 15 giorni lavorativi dovra’ informare il MFE per iscritto, il quale da parte sua inviera’ al Prestatore le istruzioni in merito ai dettagli di pagamento. Il pagamento da parte del Prestatore sara’ effettuato entro e non oltre 15 giorni lavorativi dalla data di ricezione delle istruzioni in merito ai dettagli di pagamento da parte del MFE. L’importo che il Prestatore restituira’ a favore dell’MFE sara’ pari all’importo recuperato del prestito, dopo aver dedotto gli interessi maturati, le penalita’ e le spese che il Prestatore potrebbe aver sostenuto per poter recuperare il valore del prestito. In nessun caso il versamento effettuata dal Prestatore inerente il prestito recuperato a favore del MFE dovra’ essere superiore alla garanzia che MFE ha concesso per lo stesso prestito a favore del Prestatore.
  1. Se dopo la chiusura del presente Accordo, si verifica un caso analogo, come prescritto al punto 2 di questo articolo, il Prestatore ha l’obbligo di continuare con il pagamento a favore del MFE fino a 3 anni dopo il termine dell’Accordo.

(Fonte: Consiglio dei Ministri)

Di seguito riporto alcune agevolazioni previste:

  1. Agevolare gli oneri fiscali per le imprese che operano al territorio di Tirana, decidendo:
  2. a) Rimozione dell’imposta sull’utilizzo dello spazio pubblico per il periodo Marzo-Aprile 2020.
  3. b) Dilazione di pagamento dei tributi locali, dal mese di Aprile al fine mese di Giugno;
  4. c)  Dilazione di pagamento dei tributi locali, dal mese di Giugno al fine mese di Augusto;
  5. Si impegnano nell’attuazione della presente decisione le seguenti uffici di Amministrazione Pubblica: La Direzione Generale per i Servizi Sociali; Direzione Generale della Gestione Finanziaria; Direzione Generale delle Tasse e Tariffe Locali e le Unita’ di Amministrazione/le quartieri.

La presente Decisione entra in vigore in base alle disposizioni del punto 6, articolo 55 della Legge 139/2015 “Sull’Autonomia Amministrativa Locale” modificata.

(Fonte: Municipalita di Tirana)



Rassegna Stampa Tirana Aprile

Rassegna Stampa Tirana Aprile

RASSEGNA STAMPA APRILE 2020



La protezione della proprietà intellettuale in Cina e Sud Est Asia: istruzioni per l’uso

La protezione della proprietà intellettuale in Cina e Sud Est Asia: istruzioni per l’uso

Unioncamere Puglia, nell’ambito delle attività della rete EEN, promuove la partecipazione delle aziende pugliesi al webinar

L’iniziativa, organizzata dal Consorzio ARCA in collaborazione con Sicindustria, si terrà il 16 e il 20 aprile. Due webinar dedicati ad aziende, startup ed enti di ricerca sulla tematica della protezione della proprietà intellettuale in Cina e Sud Est Asia.

I webinar sono organizzati con il supporto del China IPR SME Helpdesk e South-East Asia IPR SME Helpdesk, il cui esperto legale Dott. Elio De Tullio tratterà rispettivamente:

  • La protezione e valorizzazione delle invenzioni in Cina e Sud Est Asia (16/04 ore 15)
  • Pianificazione delle esportazioni in Cina e Sud-Est Asiatico: protezione del brand del design e dei segreti commerciali (20/04 ore 15).

I webinar sono gratuiti previa registrazione

Le imprese italiane – PMI, startup, spinoff – e i gruppi di ricerca che intendono avviare processi di sviluppo del proprio business nei mercati esteri, in particolare in Cina e nei Paesi del Sud Est Asia (Singapore, Vietnam, Malesia, Tailandia, Indonesia) hanno la necessità di conoscere specificamente tanto le peculiarità del mercato e dei suoi interlocutori, quanto i rituali e i linguaggi delle negoziazioni, le forme giuridiche standard di cooperazione internazionale e quelle più idonee per affrontare i propri partner locali e concludere accordi soddisfacenti.

Tra gli elementi a cui le imprese e i ricercatori devono prestare maggiore attenzione nel momento in cui decidono di esportare, selezionare partner locali e di delocalizzare la produzione, vi è senza dubbio la “conoscenza” – intesa come patrimonio intangibile composto, tra gli altri, da marchi e segni distintivi, brevetti e segreti aziendali, know-how, design e altre opere dell’ingegno e, nel suo complesso, come portafoglio di proprietà intellettuale – detenuta dall’impresa o dai ricercatori attraverso la titolarità di diritti di esclusiva. Tale “conoscenza”, unitamente alla capacità dei manager di saperla gestire attraverso attività di protezione, sfruttamento e valorizzazione, costituisce la base per lo sviluppo di qualsiasi business in mercati strategici e una strumentazione in grado di tutelare le imprese dalla contraffazione.

La tutela dei diritti di proprietà industriale è divenuta sempre più cruciale per le imprese che mirano all’internazionalizzazione. In quest’ottica, l’obiettivo di un’impresa che si appresta a commercializzare i propri prodotti/servizi sui mercati esteri deve essere quello di conoscere normative e prassi di riferimento dei paesi di destinazione, nonché prevedere in anticipo e mantenere sotto controllo i costi di tutela dei propri diritti di privativa, vale a dire le spese di verifica (ricerche di anteriorità), protezione (depositi e registrazioni), prosecuzione delle domande (obiezioni degli esaminatori e opposizioni da parte di terzi), mantenimento (rinnovi), monitoraggio (sorveglianze), tutela giudiziale (azioni anticontraffazione) e  doganale (enforcement e istanze di sospensione).

Obiettivo dei due webinar è di fornire ai partecipanti elementi utili per valutare le migliori strategie di protezione all’estero, in particolare in Cina e Sud Est Asia, per rapportarsi agli eventuali consulenti di proprietà industriale nella maniera più corretta ed efficiente, per ottenere i migliori risultati di protezione e lotta alle imitazioni, in un quadro di efficienza dei risultati e ottimizzazione dei costi.

Iscriviti ai webinar:

  • Pianificazione delle esportazioni in Cina e sud-est asiatico: protezione di brand, design e segreti commerciali 20 aprile ore 15,00 (CET) – Link Registrazione / Pagina Evento



UE APPROVA AVVIO NEGOZIATI CON ALBANIA-MACEDONIA

UE APPROVA AVVIO NEGOZIATI CON ALBANIA-MACEDONIA



COVID-19: risposta europea per contrastare l'impatto economico del coronavirurs.

COVID-19: risposta europea per contrastare l’impatto economico del coronavirurs.

“Il COVID-19 è una grave emergenza sanitaria per i nostri cittadini, la nostra società e le nostre economie: il contagio è diffuso in tutti gli Stati membri. Si tratta anche di un grave shock economico per l’UE. La Commissione presenta dunque oggi una proposta immediata per attenuare l’impatto socioeconomico del COVID-19, imperniata su una risposta europea coordinata”. Così recita il comunicato stampa della Commissione UE del 13 marzo scorso. Il comunicato, oltre a prevedere una serie di misure di solidarietà, volte a garantire che non ci siano blocchi al movimento di beni e servizi necessari a fronteggiare l’emergenza, predispone e raccomanda diverse misure per consentire agli Stati membri di agire in modo risoluto e coordinato, sfruttando la piena flessibilità offerta nel quadro della disciplina degli aiuti di Stato e del patto di stabilità e crescita.



Chiusura sedi decentrate

Chiusura sedi decentrate

L’ulteriore aggravarsi dell’emergenza determinata dalla diffusione del virus COVID – 19 e le prescrizioni adottate dal Governo finalizzate alla salvaguardia della salute pubblica impongono alla Camera di Commercio di Bari l’adozione, limitatamente alle sedi decentrate, di nuove misure finalizzate alla regolamentazione dell’afflusso dell’utenza negli Uffici.



Nota sulle chiusure di frontiere e restrizioni commerciali a causa di Covid-19

Nota sulle chiusure di frontiere e restrizioni commerciali a causa di Covid-19

Link al sito Cdc di Bari

https://www.ba.camcom.it/info/nota-sulle-chiusure-di-frontiere-e-restrizioni-commerciali-a-causa-di-covid-19-agg-16-03-2020