Taranto_seconda edizione di Smau

E' in corso, nel Porto di Taranto, la seconda edizione di SMAU Taranto, l'evento di riferimento nei settori innovazione e digitale per le imprese e i professionisti italiani. L’iniziativa nasce dalla collaborazione del Salone con ICE e Camera di Commercio Taranto con il suo PID Punto Impresa Digitale, con il contributo dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio. Presenti il commissario straordinario dell’Ente camerale, on. Gianfranco Chiarelli, impegnato nel Live Show inaugurale e nel tavolo di lavoro sull’Industria 4.0, il segretario generale, dr.ssa Claudia Sanesi, che partecipa al tavolo su Sostenibilità e transizione energetica, e la struttura del Punto Impresa Digitale camerale.

«È una vetrina internazionale che porta con sé attrazione e competitività e pone Taranto al centro del Mediteranneo. Siamo soddisfatti di avere ancora una volta SMAU a Taranto – commenta il Commissario Straordinario. L'impegno, rinsaldato con la nostra partecipazione al salone milanese nell'Ottobre scorso, è stato mantenuto, grazie ad un partenariato straordinario e realmente impegnato nell’evoluzione della nostra comunità in senso innovativo e sostenibile. Il livello qualitativo delle nostre startup è sorprendente, ne ho avuto esperienza diretta nel mio ruolo alla guida della Camera di commercio».

«La nostra è una fra le prime istituzioni pubbliche ad aver affrontato in modo organico il tema dell’industria 4.0 nel sistema produttivo locale: siamo ormai nel secondo triennio di attività del Punto Impresa Digitale e solo nel 2021 abbiamo liquidato voucher alle imprese per  progetti di digitalizzazione per oltre 350mila euro – ha proseguito l'on. Chiarelli. Dobbiamo certamente valorizzare le eccellenze, ma anche, proprio in quanto Amministrazione abilitatrice di processi, fare in modo che la transizione digitale sia sempre più pervasiva e coniugata con quella ecologica. Oggi dobbiamo stringere un patto di fiducia fra le Istituzioni, le imprese e i giovani ed impegnarci in un progetto comune che migliori la vita di tutti noi e generi benessere per tutti».


Cybersecurity_un questionario per offrire finanziamenti aggiuntivi alle aziende del settore

Il cybercrime ha fatto registrare nel 2020 un vero e proprio boom, con una crescita in tutta Italia del 17,2% di reati informatici rispetto al precedente anno, a fronte in una generale diminuzione dei reati (-17,4%) denunciati nello stesso periodo.

La Puglia è fra le regioni in cui è stata registrata una vera e propria impennata (+26,7%), insieme a  Veneto (+35,3%) e Abruzzo (+29,7%) (fonte: Istituto Tagliacarne).

Il gruppo della Banca europea per gli investimenti (EIBG) e la Commissione europea stanno valutando la necessità di una piattaforma europea di investimento per la cybersecurity (ECIP) per fornire finanziamenti aggiuntivi al settore.

L'obiettivo del questionario sulla cybersecurity che Unioncamere Puglia, partner della rete EEN, sta  sottoponendo alle aziende del settore della sicurezza informatica, è di esplorare le opportunità finanziarie per sostenerne la crescita. Ciò consentirebbe  alle stesse aziende di espandersi, rimanere in Europa e competere nel mercato globale. Questa iniziativa includerebbe anche la collaborazione con diversi hub digitali e di innovazione per fornire assistenza tecnica e supporto alle imprese.

C’è tempo fino al 25 febbraio per partecipare.

Scarica qui il questionario sulla Cybersecurity EEN

 

Informazioni:

[email protected]


Smart Export_l'accademia digitale per l'internazionalizzazione_webinar il 28 gennaio

A Smart Export - L'Accademia digitale per l'internazionalizzazione, curata da Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Agenzia ICE e Conferenza dei Rettori delle Università italiane, sarà dedicato il webinar che si svolgerà il prossimo 28 gennaio alle ore 12:00.

Per partecipare all'evento si prega di registrarsi compilando il seguente form di adesione

Il seminario promosso da Unioncamere nell’ambito della collaborazione interistituzionale con la Farnesina e con ICE sui temi dell’internazionalizzazione, sarà l'occasione per illustrare l'offerta formativa, gratuita e digitale di Smart Export rivolta alle imprese e ai dipendenti pubblici per valorizzare l’impegno di Unioncamere e delle Camere di commercio a sostegno della competitività delle imprese italiane in un contesto di digitalizzazione e modernizzazione per l’internazionalizzazione.

Scarica la locandina Smart Export - 28 gennaio Unioncamere

Programma SEA 28 gennaio unioncamere


Movimprese 2021: Puglia + 21.967 iscrizioni

Il miglioramento delle prospettive dell’economia viene confermato dai dati sulla creazione di nuove imprese ma non siamo ancora tornati ai valori precedenti alla pandemia. È quanto emerge dal Registro delle Imprese delle Camere di commercio, l’anagrafe ufficiale delle imprese italiane. Secondo Movimprese - l’analisi statistica realizzata da Unioncamere e InfoCamere - il 2021 si è chiuso con un ritrovato slancio delle attività imprenditoriali che, tra gennaio e dicembre, hanno fatto registrare 332.596 nuove iscrizioni (il 14% in più rispetto all’anno precedente).

«La Puglia, con 21.967 nuove iscrizioni e un tasso di crescita rispetto all’anno precedente del 2,06%, è la terza regione del Mezzogiorno per numero di nuove iscrizioni», dichiara Damiano Gelsomino, presidente di Unioncamere Puglia. «Un risultato che, nonostante sconti il prolungato periodo di pandemia, sottolinea l’intraprendenza imprenditoriale delle nostre genti, la voglia, nonostante tutto, di fare impresa, che è ossigeno occupazionale per le comunità».

È la provincia di Bari a registrare il saldo più alto fra iscrizioni e cessazioni ma anche il tasso di crescita 2021 più basso (2.518, 1,71%), seguita da Lecce (2.164, 2,89%), Foggia (1.348, 1,86%), Taranto (993, 1,97%), Brindisi (858, 2,28%).

 

Scarica il comunicato completo

Puglia_com_movi_anno_2021

 

 

 

 

 

 


Covid-19_Ristori ambulanti_C'è tempo fino al 31 gennaio

C’è tempo fino al 31 gennaio 2022 per partecipare al bando ristori degli operatori ambulanti del commercio su aree pubbliche, soggetti a restrizioni in relazione all'emergenza da COVID-19.
La Regione Puglia ha destinato risorse per quattro milioni di euro.La gestione del Bando per l'erogazione di queste risorse è stata affidata a Unioncamere Puglia, con il supporto delle Camere di Commercio della regione.Possono presentare domanda ed essere beneficiari dei contributi previsti dal presente bando le imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, con codice ATECO 47.8 e nello specifico 47.81 (47.81.01 - 47.81.02 - 47.81.03 - 47.81.09), 47.82 (47.82.01 - 47.82.02), 47.89 (47.89.01 - 47.89.02 - 47.89.03 - 47.89.04 - 47.89.05 - 47.89.09), codici 56.10 e, nello specifico (56.10.41 - 56.10.42), che nell’anno 2020 abbiano registrato un calo di fatturato di oltre il cinquanta per cento rispetto all’anno 2019.Il contributo sarà concesso nei limiti delle risorse disponibili che saranno assegnate al gestore Unioncamere Puglia e ripartite e riversate alle singole Camere di Commercio pugliesi, proporzionalmente al numero d’imprese ammesse a contributo nell'ambito del territorio di competenza. Le somme riversate alle singole Camere di Commercio saranno ripartite tra le imprese ammesse a contributo aventi sede sul proprio territorio di competenza.

Le domande devono essere inviate esclusivamente per via telematica, attraverso la piattaforma RESTART (https://restart.infocamere.it) entro le ore 16:00 del 31 gennaio 2022.

Gli aiuti previsti sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche.
Le richieste di informazioni relative ai contenuti dei Bandi possono essere indirizzate a Unioncamere Puglia all'indirizzo email: [email protected]

 

 


Lecce_“Gelesis” a Wall Street: un orgoglio per tutto il Salento

"Gelesis approda alla ribalta finanziaria internazionale: è una notizia che rende orgoglioso tutto il Salento" - commenta Vincenzo Benisi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Lecce - "Una startup che ha seguito un percorso evolutivo straordinario, nascendo nel fecondo ambito di Unisalento su impulso del Prof. Alessandro Sannino, poi intrecciando relazioni a livello globale, oggi quotata in borsa, ma, al contempo, sempre ben radicata nella sua terra di origine. Credo fortemente nella ricerca applicata all'impresa. Le idee vincenti trovano sviluppo eattuazione grazie alla scienza, alla tecnologia, all'innovazione, allo studio, alle sperimentazioni e al coraggio di fare impresa. Nel caso specifico, poi, non parliamo di un successo imprenditoriale meramente individuale, ma declinato in termini sociali; parliamo di un'idea, di un brevetto che impatta in maniera importante sulla salute, sul benessere, trattando una patologia estremamente diffusa. Esprimo, pertanto, le mie più fervide congratulazioni alle brillanti menti che collaborano per affermare questa promettente realtà che dal Salento è appena sbarcata a Wall Street".

 


Lecce_ristori per commercio ambulante

Fino alle ore 16:00 del 31 gennaio 2022 sarà ancora possibile presentare domanda per essere beneficiari dei contributi a fondo perduto previsti dal bando regionale a favore degli ambulanti soggetti a restrizioni in relazione all'emergenza da COVID-19.

La Regione Puglia ha infatti destinato € 4.000.000,00 ai ristori degli operatori ambulanti del commercio su aree pubbliche ed ha affidato la gestione del relativo bando ad Unioncamere Puglia ed alle Camere di Commercio delle province pugliesi che stanno già attivamente operando in tal senso.

Un breve riepilogo dei punti salienti del bando.

Beneficiarie dei contributi previsti sono le imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, con codice ATECO 47.8 e nello specifico 47.81 (47.81.01 - 47.81.02 - 47.81.03 - 47.81.09), 47.82 (47.82.01 - 47.82.02), 47.89 (47.89.01 - 47.89.02 - 47.89.03 - 47.89.04 - 47.89.05 - 47.89.09), codici 56.10 e, nello specifico (56.10.41 - 56.10.42).

Le imprese ammesse a contributo sono quelle che nell’anno 2020 hanno registrato un calo di fatturato di oltre il cinquanta per cento rispetto all’anno 2019.            Il contributo sarà concesso nei limiti delle risorse disponibili che saranno assegnate ad Unioncamere Puglia e ripartite tra le singole Camere di Commercio pugliesi, proporzionalmente al numero d’imprese beneficiarie nell'ambito del territorio di competenza.

Le somme riversate alle singole Camere di Commercio, quindi, saranno a loro volta ripartite tra tutte le imprese richiedenti nei termini, aventi sede sul proprio territorio di competenza ed ammesse a contributo. Pertanto, tutte le domande ammesse avranno diritto al contributo e l’entità dello stesso dipenderà dal numero delle domande stesse e sarà graduata in base alle percentuali di calo di fatturato.

“Realizzato su iniziativa della Regione Puglia, il bando mira ad una fruizione capillare da parte delle imprese interessate e lo fa grazie alla stretta collaborazione con Unioncamere Puglia e le Camere di Commercio pugliesi” – commenta Vincenzo Benisi, Commissario straordinario dell’Ente camerale leccese – “La Camera di Commercio di Lecce, a beneficio delle imprese del Salento, ha aderito con entusiasmo a questa rete virtuosa a sostegno di tanti operatori economici che hanno purtroppo subito importanti cali di fatturato a seguito delle restrizioni imposte dalla pandemia; auspichiamo una buona adesione, soprattutto in considerazione del cospicuo numero di ambulanti nel sistema imprenditoriale salentino. Nell’ambito della procedura prevista del bando, siamo operativi a favore di quanti desiderano cogliere questa opportunità”.

Le domande dovranno essere inviate esclusivamente per via telematica attraverso la piattaforma RESTART (https://restart.infocamere.it).

Ulteriori indicazioni operative, il bando integrale, i requisiti e le FAQ sono consultabili sul sito della Camera di Commercio di Lecce https://www.le.camcom.gov.it/P42A3483C71S95/Bando-ristori-destinato-agli-ambulanti.htm

 

 

 

 

 


Taranto_due giorni di lavori internazionali sull’ecologia integrale

Si è svolto il 17 e 18 dicembre, nella Cittadella della imprese di Taranto, l'ultimo weekend seminariale del 2021 de “La V Stagione dell’impresa”, percorso di alta formazione per imprese e manager organizzato da Pontificia Università Antonianum (PUA) e Camera di commercio di Taranto, in collaborazione con Centro di cultura per lo sviluppo “G. Lazzati” – Taranto, GPIC Frati Minori d'Italia, Federmanager, Askesis, Consorzio Costellazione Apulia ed Happy Network. Le due giornate, dedicate a “Verso la V Stagione del Mediterraneo”, hanno rappresentato i lavori preparatori allo startup dell’"OIKOS del Mediterraneo", grande progetto internazionale per l’applicazione dell’ecologia integrale alla società e all’impresa. Agli incontri hanno partecipato anche l’Università degli Studi di Bari e il CNR IRSA di Taranto, oltreché numerosi professionisti e professioniste. Di rilievo la presenza dell’Imam della grande moschea di Roma, Nader Akkad, anche nella sua veste di co-presidente della commissione mariana internazionale musulmano cristiana.

Secondo il segretario generale della Camera di commercio di Taranto, Claudia Sanesi, che ha coordinato i gruppi di lavoro insieme al prof. Giuseppe Torre, coordinatore scientifico dell'Osservatorio 4.Manager e docente della Licenza in Ecologia Integrale dell’Antonianum: «Taranto, nella sua Camera di commercio, diventa incrocio di culture e sensibilità diverse, pronte alla condivisione e al dialogo, piuttosto che al conflitto. Al centro del Mediterraneo, con il nostro “OIKOS. La casa dell’economia civile®” diveniamo parte di un OIKOS internazionale che ha due obiettivi principali: rigenerare città e comunità in una prospettiva di lungo periodo; contribuire ad affermare modelli d'impresa che operino per il bene comune».

Padre Giuseppe Buffon, decano della facoltà di Teologia della PUA: «L’Università Antonianum è molto grata a Taranto e alla Camera di commercio per averle dato la possibilità di attuare la Terza missione, di entrare nella società civile ed essere utile al passaggio dal “pensare” al “fare”. Questi due giorni ne sono stati la prova e ringrazio tutte le persone che hanno collaborato poiché hanno dimostrato vera passione per il futuro e capacità di immaginazione di un mondo nuovo cui tutti aspiriamo».

L’Imam Nader Akkad: «La centralità del Mediterraneo è diventata essenziale. I lavori condotti oggi a Taranto la rendono un “modello” verso una realtà costituente di città mediterranee ispirate all’ecologia integrale».

 


Bari_Aziende storiche premiate oggi in Camera di Commercio

«Gli imprenditori non smettono mai di lavorare. La loro vita è tutt’uno con quella delle imprese che hanno creato. Oggi siete qui a onorarci della vostra presenza, anche se sono certo avreste voluto essere al solito posto, ad occuparvi delle vostre “creature” che hanno fatto e continuano a fare la storia del nostro territorio. Alle vostre “imprese storiche”, alla passione che avete messo per conservare valori e tradizioni, ma anche per innovare, al vostro notevole contributo dato al patrimonio economico e culturale della nostra terra, va il riconoscimento della Camera di Commercio di Bari. Siete il nostro orgoglio».

Lo ha detto stamani il presidente della Camera di Commercio Alessandro Ambrosi nella cerimonia di premiazione delle imprese storiche di Bari e Bat, affiancato da Nicola Mastropaolo responsabile del settore Promozione e Sviluppo dell’ente camerale barese.  In quarantotto hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento attribuito nelle varie categorie economiche di appartenenza (commercio, industria, servizi, artigianato, agricoltura) alle aziende in possesso della longevità imprenditoriale secondo i criteri contenuti in un apposito bando.

Tanta gioia e commozione nel salone della Camera di Commercio per i prestigiosi testimoni della storia imprenditoriale locale. «Una celebrazione pubblica di un successo che è anche quello del territorio di competenza dell'ente camerale barese» ha concluso Ambrosi.

 

Le aziende premiate

 

CATEGORIA I – INDUSTRIA, COMMERCIO, SERVIZI

 

CANTINE COPPI DI COPPI ANTONIO MICHELE (Turi); ITALVACANZE SRL (Bari); FARUCCI LUIGI (Modugno); SUDCART DI LUIGI MORELLI & C. SAS (Modugno); PLANTAMURA LUIGI (Acquaviva delle Fonti); PANNACCIULLI ANNA (Acquaviva delle Fonti); ORGANIZZAZIONE APRILE SAS DEL DOTT. NUNZIO APRILE (Bari); RAM ELETTRONICA SRL (Andria); PARRULLI VINCENZO (Gravina di Puglia);  A.P. SYSTEM SRL (Bari); DEPURECO SPA (Rutigliano); DE LUCE GIACOMO (Bari); GRAN PASTICCERIA BAR MODERNO DI SCALERA VITO (Bari); OTTICA COMM. GIUSEPPE RANIERI SRL (Bari); HGM SRL (Putignano); PEDONE FERRAMENTA SNC DI PEDONE GIROLAMO & FIGLI (Bisceglie); NATALICCHIO VITO (Molfetta); MEGAHOLDING SRL (Trani); IMPRESA LALLI SRL (Trani); SAMAG EUROPA SRL (Barletta); MALDARIZZI AUTOMOTIVE SPA (Bari); ELIA CARLO (Bitonto); RIFINO GIOACCHINO & FRATELLI SNC (Altamura); PASTIFICIO ATTILIO MASTROMAURO PASTA GRANORO SRL (Corato); GIGANTE GIUSEPPE (Noci); PAPARELLA & C. SRL (Bari); LA PULISAN SRL (Bari); GUASTAMACCHIA S.P.A. (Ruvo di Puglia); RAGUSA GRAFICA MODERNA SRL (Bari);

TANIA CALZATURE DI ANTOMIO LERARIO & C. SRL (Bari); PIZZOLANTE SRL (Trani); OFFICINE CHIUSOLO SRL (Modugno); MATTEO BONADIES GIOIELLI SRL (Barletta); SAICAF SPA (Bari); F.LLI STRICCOLI SRL (Altamura);

 

CATEGORIA II – ARTIGIANI

 

ATX S.A.S. DI MARIA ARCANGELA CORVASCE & C. (Barletta); AGOSTINACCHIO GIUSEPPE (Bitonto); BINETTI NATALE (Molfetta); MAGNIFICO FRANCESCO (Trani); ANGIONE FRANCESCO (Molfetta); SGERZA FRANCESCO (Molfetta); TESTINI DI TESTINI VINCENZO (Modugno);  VENDOLA PASQUALE (Molfetta); ELITECLIMA DI MICHELE LAGIOIA (Triggiano); OFFICINE MECCANICHE LONGO SNC DI LONGO ROCCO, VINCENZO & ANDREA (Bari);

 

CAT. III – AGRICOLTURA

AZIENDA AGRICOLA SPAGNOLETTI ZEULI ONOFRIO (Andria); AZIENDA AGRICOLA DE CARLO (Bitritto); AZIENDA AGRICOLA LA SPINETA SOC. SEMPLICE (Andria).

Brevi profili delle aziende premiate

 


Brindisi_al via il progetto Open Knowledge

Appuntamento martedì 14 Dicembre 2021 a Brindisi con OPEN KNOWLEDGE, iniziativa per creare condizioni, coinvolgimento e prassi consolidate che rispondano ai principi di trasparenza, collaborazione e partecipazione, quali elementi imprescindibili dello sviluppo, sul tema delle aziende confiscate. E dunque animazione e formazione per creare valore sociale, economico e civico per il territorio attraverso la conoscenza e l’utilizzo degli open data sulle aziende confiscate.

Il progetto, ammesso a finanziamento nel quadro del PON Legalità 2014-2020, si inserisce nel percorso di miglioramento delle competenze della Pubblica Amministrazione nel contrasto alla criminalità organizzata, mediante l’utilizzo delle tecnologie digitali e l’informazione open da esse veicolate. Informazione necessaria per la formulazione di schemi interpretativi sui fenomeni illegali e schemi predittivi sui fattori che consentono un efficace reinserimento e valorizzazione delle aziende confiscate nell’economia legale.

OPEN KNOWLEDGE coinvolgerà un team di esperti di Unioncamere, delle agenzie del sistema camerale (Centro studi Tagliacarne e Sicamera) e delle 22 Camere di Commercio di Calabria, Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia.

Mediante attività di sensibilizzazione e approfondimento, il progetto OK - Open Knowledge risponde all’esigenza di maggiore e più capillare conoscenza delle informazioni e dei dati disponibili su una importante elemento attraverso la quale leggere il livello di infiltrazione mafiosa nell’economia: le aziende confiscate”, sottolinea il presidente di Unioncamere, Andrea Prete. “Dati che ora, grazie all’interconnessione tra le banche dati dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati e quelli delle Camere di commercio consentono di aprire una visuale anche sulle caratteristiche delle aziende. E questo faciliterà l’azione di recupero e valorizzazione di realtà economiche sottratte alla criminalità e la loro piena reimmissione sul mercato legale”.

Il Commissario Straordinario della Camera di Commercio di Brindisi, Antonio D’Amore “In un territorio come il nostro, che con grande impegno si è riscattato da una difficile stagione criminale, restituire le imprese confiscate alla mafia al ruolo di motore economico e di sviluppo sociale è un’obiettivo fondamentale. Per questo, insieme al Ministero degli Interni, alla Prefettura, alle Forze dell’Ordine ed ai Comuni della Provincia, la Camera di commercio intende promuovere l’utilizzo della nuova piattaforma telematica Open Knowledge, agevolando così l’azione dei tanti soggetti oggi chiamati a collaborare nella gestione di queste imprese che sono patrimonio di tutti noi e dei tantissimi lavoratori in esse convolti”.

Nel territorio della Camera di commercio di Brindisi attualmente si contano 23 aziende ancora in stato di confisca, in attesa di un nuovo utilizzo che presuppone un ciclo di vita diverso, meritocratico e fondamentale per l’economia e la società civile.

 

Info: Patrizia Perrucci, Antonia Tarantino,Rosa Palmieri email: [email protected]

tel. 0831228239